Immagine 1Museo della
Certosa di Pavia


informazioni


Aperto per la prima volta al pubblico nel 1911 e poi rimasto chiuso per quasi mezzo secolo, il Museo della Certosa di Pavia raccoglie opere provenienti dal complesso monastico o a esso strettamente collegate. La sua visita costituisce dunque un complemento indispensabile alla conoscenza e all’apprezzamento del monumento e un’occasione unica per ammirare alcuni capolavori non altrimenti visibili. Il Museo comprende due sezioni fondamentali. Al piano terreno è conservata la Gipsoteca, nel recentissimo riallestimento curato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e il Paesaggio di Milano, nella quale sono esposti circa 200 calchi in gesso tratti dai rilievi di facciata, dai chiostri e da altre parti del monastero, nonché dal monumento sepolcrale di Gian Galeazzo Visconti, fondatore della Certosa nel 1396. Immagine 2 Al piano superiore si trovano invece paramenti, dipinti e sculture originali, che ragioni legate alla secolare evoluzione del complesso e alla sua conservazione hanno via via privato di sede e funzione originaria. Fra questi si segnalano la grande pala di Bartolomeo Montagna e i dipinti su tavola, frammenti di polittici, di Ambrogio Bergognone e Bernardino Luini, recentemente restaurati sotto la direzione della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico di Milano, e gli straordinari altorilievi marmorei con tracce di dorature e policromia realizzati da Giovanni Antonio Amadeo, Cristoforo Mantegazza e Agostino Busti detto il Bambaja. Sempre al piano superiore sono esposti ritratti sei e settecenteschi dei Visconti e degli Sforza, mecenati del monastero, pitture murali staccate attribuite al pavese Bernardino de’ Rossi e allo stesso Bergognone, dipinti di Bernardino e Antonio Campi, e una serie di santi certosini. immagine 3 I calchi in gesso del piano terreno, per la maggior parte opera dei formatori milanesi Pietro ed Edoardo Pierotti (fine del XIX secolo), offrono la possibilità di osservare da vicino le peculiarità iconografiche e stilistiche delle sculture che ornano la facciata e altre aree di chiesa e convento, nonché di conoscere la forma del primitivo altar maggiore della chiesa, oggi conservato nella parrocchiale di Carpiano. Il Museo è allestito nelle antiche sale del cosiddetto Palazzo Ducale della Certosa (XV - XVI secolo), già dimora dei duchi e foresteria per gli ospiti di rango. La sua visita permette dunque di ammirare lo splendore di alcuni ambienti quali l’oratorio e la parete di fondo della Gipsoteca, dipinti dai fratelli Fiammenghini, e il pregevole studiolo al piano nobile, affrescato con decorazioni a grottesca del secondo Cinquecento, in cui scene bibliche e della storia romana si inseriscono in una raffinatissima cornice illusivo-prospettica.

Immagine 4


Indirizzo:

Viale Monumento - Certosa di Pavia
Tel. 02.72263231 - Fax. 02.72001140

Orario di apertura

Venerdý, sabato e domenica dalle 14.30 alle 17.45
L'accesso Ŕ consentito a gruppi (massimo 30 persone), con visite guidate gratuite condotte da storiche dell'arte della Cooperativa Dedalo.

Informazioni e prenotazioni

tel. 0382 539 638 (Coop. Dedalo)
333 612 73 10
info@dedalopv.it

Direttore

Letizia Lodi
llodi.artimi@arti.beniculturali.it
tel. 02 722 632 38

Autobus:

da Pavia (V.le Trieste) e da Milano (MM Famagosta) partono autobus che fermano sulla statale 35 a 10 minuti a piedi dal monumento

Treni:

da Milano (Rogoredo e Lambrate) a stazione di Certosa di Pavia, a 10 minuti a piedi dal Museo.

Accesso ai disabili
Museo artistico