Cripta di Sant’Eusebio


informazioni


Alla sezione longobarda e altomedievale dei Musei Civici si correla la Cripta di Sant’Eusebio. Protetta da una moderna pensilina accanto all’Università e alle antiche torri, è quanto resta di una basilica di fondazione probabilmente di età ostrogota.

Immagine 1
Ricordata da Paolo Diacono nella Historia Longobardorum come cattedrale ariana al tempo di re Rotari, si trova all’interno dell’antica faramannia di Pavia, luogo di primo insediamento longobardo, situato in prossimità dell’area del palazzo regio di Teodorico e poi dei re Longobardi.

Dopo la conversione al cattolicesimo dell’ultimo vescovo ariano Anastasio, fu intitolata a Sant’Eusebio, vescovo di Vercelli, persecutore dell’eresia ariana.

L’edificio subì una prima sostanziale trasformazione nella prima metà dell’XI secolo, epoca a cui risalirebbe la cripta ancora oggi visitabile.

Immagine 2Sconsacrata nell’Ottocento, fu definitivamente abbattuta nel 1923 per consentire l’erezione del Palazzo delle Poste: se ne conservò solo la cripta, che rimase tuttavia interrata fino al 1967-68, quando fu riportata alla luce, restaurata e dotata della tettoia che attualmente la protegge.

La cripta è a oratorio, con un unico vano suddiviso in cinque navatelle coperte da volte a crociera e costolonate.

I sostegni sono costituiti da esili colonne con capitelli di tipologie differenti. Questi ultimi rappresentano la maggiore attrazione della cripta: decorati da triangoli e foglie lanceolate lavorate a incavo, assolutamente lontani dal repertorio di capitelli derivati da modelli classici, sono riconosciuti dalla critica come capitelli di reimpiego, forse già in opera nell’antica cattedrale ariana.

Immagine 3

Di particolare interesse sono anche gli affreschi, databili attorno alla metà del XII secolo, visibili sulle vele delle volte e probabilmente in origine estesi su tutta la copertura. Di stile bizantineggiante, rappresentano santi ed evangelisti e una Madonna con bambino, di cui si scorgono frammenti sulla parete di fondo.


Indirizzo:

Castello Visconteo, Viale XI Febbraio - Pavia
Tel. 0382.399770 - Fax 0382.303028

E-mail: museicivici@comune.pv.it - Sito internet


Informazioni e servizi

Ingresso: 4 euro
La visita è consentita solo su appuntamento rivolgendosi ai Musei Civici negli orari seguenti.

Orari:

visita il sito

Prenotazioni e visite guidate:

tel. 0382.399770, per un massimo di 30 persone

Autobus:

1, 3 e 6

Biblioteca e fototeca, bookshop
Accesso ai disabili
Edificio monumentale